Su di Me

Forse perché è la forma d’arte più prossima al realismo classico o forse perché non saprei usare una matita o un pennello come uso il pulsante di scatto di un’apparecchio fotografico. Queste, tra le altre, sono le motivazioni che mi hanno fatto scegliere la fotografia come personale forma di espressione. Quando scatto una fotografia accade che vedo in un attimo la bellezza del momento scorrere via. Un momento che è parte di una storia. Voglio rendere protrarre nel tempo quell’attimo. Voglio che non fugga e, se proprio deve esserci un pubblico, questo deve vivere un’emozione, deve vivere la bellezza che ho vissuto anche io in quel momento. E’ così che esprimo il mio senso di condivisione delle cose. Ed allora accade che le mie fotografie diventano il ricordo di un viaggio, la cartolina che abbiamo scelto con cura, la chiave d’accesso al cassetto della memoria che ci riporta al ricordo stesso.

Vi ringrazio, dunque, per aver dedicato il vostro tempo al mio spazio virtuale e vi invito a contattarmi per ogni tipo di richiesta.